Commemorazione a Cefalonia per ricordare i caduti Irpini

Il 27 Agosto un gruppo di Irpini guidati da Gianni Marino ex Direttore dell’Archivio storico della CGIL di Avellino, collaboratore dell’Associazione Italo-greca Mediterraneo, si è recata a Cefalonia a deporre una corona d’ alloro al Monumento della memoria per commemorare l’eccidio consumato, con esecuzioni sommarie da parte degli tedeschi, contro i soldati italiani sull’isola che si erano arresi dopo estenuanti combattimenti.
Con l’armistizio dell ‘ 8 settembre gli italiani che prima erano alleati dei Germanici, si trovarono a scegliere se consegnare le armi italiane ai tedeschi o combattere ancora per Hitler. Il rifiuto per difendere l’onore patriottico diete inizio alla resistenza italiana da parte dei nostri soldati che però, dopo pochi giorni di combattimenti, furono sopraffatti dai bombardamenti degli stukas tedeschi.
Per questi eventi, su ordine del Fuhrer, dovevano essere passati per le armi tutti i sopravvissuti perché “ traditori dell’alleanza”. Tra dispersi, deceduti in combattimento e assassinati con fucilazioni sommarie, si parla di circa ottomila tra marinai e fanteria. Molti prigionieri furono fatti affondare con le navi per nascondere le prove. Altri assassinati rimasero insepolti per mesi nelle campagne di Cefalonia. Su undicimila italiani presenti sull’isola sono rimasti in vita solo 2000 soldati dopo essere sopravvissuti molti ai campi di concentramento.
Presso il museo storico di Argostoli sui fatti del 8 settembre 1943, è stato presentato in prima stampa il volume “ Soldati Irpini in Grecia”di Gianni Marino.
Alcune storie raccontate nel volume di questi soldati irpini sono di Cervinara come quella di Alfredo Lengua e di Lazzaro Clemente; entrambi sopravvissuti. Presto il volume verrà integrato anche con le storie di altri.
E’ accertato che di Cervinara sull’isola a quel tempo c’erano sette concittadini: Tartaglione Antimo della frazione Valle che fu il primo a perdere la vita, Persichini Armando della frazione Pirozza ed Aniello Bove entrambi deceduti. Bove sopravvisse ai combattimenti ma fu fucilato con Clemente Lazzaro che però si accasciò senza essere colpito rimanendo sotto i corpi dei commilitoni. Infine Cocozza Giovanni e Francesco Cioffi classe 1920 furono altri sopravvissuti.
Alla commemorazione e presentazione del libro erano presenti Francesco Viola con famiglia ed un’altra Cervinarese Rosaria Ruggiero col marito.
Emozionante la testimonianza di un locale che da bambino ricordava di aver imparato a dire in italiano “ Signore ho fame dare pane” e i nostri giovani ragazzi lo donavano ai fanciulli nonostante fosse poco. La cerimonia si è conclusa con il canto dell’inno Nazionale.

Commemorazione a Cefalonia per ricordare i caduti Irpiniultima modifica: 2017-09-25T11:38:57+02:00da terredibriganti
Reposta per primo quest’articolo

Leave a Reply